• Home 
  •  Blog 

Blog

Vogliamo condividere con te i temi principali del bricolage e fai da te per aiutarti e farti avvicinare sempre di più a questo mondo pieno di idee e creatività!

Sai come travasare correttamente le tue care piante senza bloccargli la crescita o peggio ancora senza farle morire per un travaso non fatto correttamente? Leggi il nostro articolo per non fare nessun errore!

5 consigli per rinvasare piante e fiori

Perché rinvasare le piante?

Il rinvaso, ci sembra un’attività stressante e dannosa per le nostre piante: le togliamo dalla loro dimora, tagliamo l’impianto radicale se necessario e rivoluzioniamo quello che è tutto il loro mondo! Quello che però non sappiamo è che se il vaso non è adeguato alle dimensioni della pianta o alla loro crescita radicale, lei ne soffrirà: le radici quando trovano le pareti del vaso che impediscono di crescere, si piegano e tornano verso l’interno, avvolgendo troppo il pane di terra che consumerà troppo in fretta le sostanze nutritive. Si, perché se anche concimi costantemente la pianta o cerchi di dare le sostante nutritive che necessita, non basta. Il cambio di substrato è comunque la soluzione migliore.

Pertanto, dare nuova aria e posto alle radici, significa dare nuova energia alla pianta stessa.

Spesso le colture appena acquistate in vivaio o dal fioraio hanno vasi troppo piccoli: ti consigliamo di effettuare questo procedimento qualche giorno dopo l’acquisto; dai prima il tempo alla pianta di ambientarsi nella nuova casa!

 

Rinvaso: periodo corretto

Come abbiamo detto prima, il primissimo rinvaso deve esser effettuato quando si acquista la piantina, così da assicurarle una crescita sana e rigogliosa. Poi i tempi possono variare, solitamente consigliamo i 2 anni: questo perché avrà avuto tempo di svilupparsi in modo adeguato, prima sarebbe stato troppo presto!

Attenzione: i tempi di rinvaso, dipendono sempre dalla tipologia di coltura. Ci sono delle piante grasse che hanno una crescita radicale molto lenta, altri come la Surfinia, crescono molto rapidamente pertanto hanno bisogno di altri tempi!

Sicuramente si tratta di buon senso e di quando la pianta ci comunica di aver bisogno di essere spostata in un nuovo luogo. Solitamente si procede verso fine autunno o inizio primavera: nel primo caso hanno completato il ciclo di sviluppo ed entrano nel riposo vegetativo; nel secondo caso, è il periodo in cui le piante crescono con un attività vegetativa forte e noi gli vogliamo dare nuova energia con terreno e sostanze nuove.

 

Focus contenitori

Ci sono tantissimi tipi di vaso in commercio e la scelta potrebbe rivelarsi difficile per i neofiti del giardinaggio. Prima di tutto un fattore importantissimo è scegliere contenitori che hanno dei fori sul fondo: in questo modo l’acqua in eccesso avrà modo di defluire senza creare ristagni dannosissimi alle radici delle piante. I materiali più usati sono terracotta e plastica; vediamo brevemente le differenze.

Terracotta

La terracotta è moto utile per evitare ristagni idrici in quanto riesce ad asciugare attraverso le sue pareti l’acqua evaporata dall’interno. Dissipa il calore con facilità e assorbe il calore dall’esterno mantenendo fresco il substrato a protezione delle radici.

Per contro il materiale permeabile assorbe anche i Sali presenti nel terriccio e nei concimi rendendo più povero il terreno. Infine, pesa di più.

Plastica

Con i vasi di plastica è bene usare composti più grossolani dato che l’evaporazione di liquidi avviene solo dal substrato e non dai lati; se costantemente esposta ai raggi solari, alza la temperatura di ciò che contiene, pertanto è importante fare attenzione anche al posizionamento. Per ovviare a questo, i colori dei vasi cambiano un po’ la situazione: ti consigliamo di acquistare vasi marroni o colorati esternamente con le pareti nere. Si scaldano meno ma facilitano la crescita delle radici anche verso le pareti.

5 consigli per rinvasare piante e fiori
5 consigli per rinvasare piante e fiori

Rinvaso: materiale necessario

 

  • Forbici da giardino, guanti e zappetta
  • Vasi più grandi di due misure
  • Terriccio adatto alla coltura
  • Biglie di argilla espansa o cocci
  • Innaffiatoio
 

Rinvaso come farlo

La prima cosa da fare è quella di munirsi di vasi più grandi, di due misure: questo significa che se hai una pianta con misura 12, dovrai acquistare un vaso con misura 14-16: troppo piccolo non aiuta la crescita della pianta, ma se opti per uno troppo grande, l’abbondanza di terriccio non sarà comunque d’aiuto trattenendo l’acqua non utilizzata e provocando asfissia radicale
In questa fase può essere utile anche prevedere dei tutori a scala qualora il tipo di pianta richiedesse un sostegno o dei semplici sostegni in bamboo, munisciti anche di una buon terriccio, senza dimenticare le gemme di argilla.
Nel nuovo vaso colloca, a partire dal fondo, alcune palline di argilla espansa oppure dei cocci di vasi in terracotta rotti – nel bricolage non si butta via nulla - e ricopri con 4 -5 centimetri di terriccio anche a seconda della capienza del vaso.
Togli la pianta dalla dimora attuale e se vedi che le radici escono da sotto, tagliale, così da agevolare il procedimento. Afferrala alla base del tronco, il cosiddetto colletto e cerca di scuoterla con delicatezza per staccare la terra dal vaso; una volta uscita, continua a scuoterla per togliere bene il panetto di terra, senza danneggiare le radici. Più togli il vecchio terriccio più ce ne starà di nuovo e nutritivo!
Inserisci la pianta allargando le radici ma facendo molta attenzione a non danneggiarle e ponila sul terriccio in fondo. Poi riempi tutto lo spazio vuoto con altro terriccio che presserai bene con le mani. Annaffia delicatamente con un annaffiatoio munito di rosetta.

 

Consiglio: presta attenzione durante i giorni che seguono il travaso, controlla le tue piante per capire se hanno bisogno di maggior acqua o di fertilizzante… non dimenticare di seguire le necessità di luce della pianta in relazione alla specie!
Potrebbe essere utile anche sapere come travasare delle piante grasse…bene, qui i guanti non possono mancare come nemmeno una miscela di sabbia e lapillo, sulla base del nuovo vaso riponi un po’ di terriccio, poni la pianta grassa e ricopri la superficie della miscela.
 
Il gioco è fatto, semplice no? Ora sistema per bene le piante, che sembrano nuove, i vecchi vasi in ordine – possono sempre servire – e tutto l’ambiente circostante che sicuramente avrai sporcato con del terriccio!
Seguici su facebook
Seguici su Instagram
Seguici su Youtube

Cerca l'argomento

Iscriviti alle nostre newsletter

Scegli la nostra newsletter per essere sempre al corrente delle ultime promozioni e novità del nostro Gruppo.
Nella newsletter troverai utili informazioni sui nuovi servizi, prodotti, promozioni e anticipazioni.
Per iscriverti alla newsletter, compila i seguenti dati:

* i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori

dichiaro di aver letto e accettato l'informativa privacy web*

acconsento ad essere aggiornato su tutte le iniziative promozionali e di attività di marketing diretto, come indicato nell'informativa privacy web

Scrivi il testo dell'immagine: Loading refresh testo immagine

Iscriviti alla newsletter

Lascia qui di seguito il tuo indirizzo mail per ricevere offerte esclusive, per essere informato sulle novità, promozioni e concorsi!

torna su

Eurobrico Feedaty 4.8 / 5 - 3661 feedbacks